Nacon Athletes – Marta Cammilletti

nacon athletes marta cammilletti

Nacon è orgogliosa di presentare la prima atleta italiana di profilo internazionale entrata a fare parte dell’iniziativa Nacon Athletes. Da anni presente nel mondo degli eSport con sponsorizzazioni di team ed eventi a livello internazionale, Nacon è ora entrata nel mondo dello sport (quello senza la “e”) con un’iniziativa mirata a sostenere atleti italiani che si distinguono a livello internazionale.

Parata e affondo
Il primo nome che abbiamo l’onore di presentarvi è quello di Marta Cammilletti, atleta di livello internazionale che ha fatto parte della Squadra Nazionale di Fioretto Femminile Under e Assoluta e che oggi è impegnata in competizioni in diversi circuiti, quali la Coppa del Mondo, il Circuito Europeo e il Circuito Nazionale.
Marta vanta il doppio titolo di Campionessa Mondiale 2004 e 2010, oltre a 14 titoli come Campionessa d’Italia e il podio numero 1 in Coppa del mondo satellite, in Uzbekistan e Danimarca. Oggi Marta rappresenta la Pro Patria di Busto Arsizio e il BEC Étudiant Club di Bordeaux (Francia), vestendo il nostro tricolore.
Non è stato solo il palmares della nostra campionessa ad attirare l’attenzione di Nacon. La storia personale, le sue scelte di gareggiare anche al di fuori del circuito militare, di diventare imprenditrice, mamma e atleta, sono state rese possibili da due fattori imprescindibili: impegno e costanza. Ciononostante, nella vita di Marta non sono mancate grandi passioni come i viaggi, gli amici e tutto ciò che è esplorazione e novità.
Marta ha visto nelle periferiche gaming di Nacon del panorama degli eSport una grande opportunità di poter sviluppare strategie in poco tempo, allenare i riflessi e adattarsi alle situazioni in evoluzione. Un po’ come nella vita reale, insomma, in cui Marta sostiene fermamente che ci possa essere spazio per coltivare e allenare una passione con dedizione, pur senza rinunciare a passatempi piacevoli e istruttivi, proprio come i videogiochi.
Quello tra Nacon e Marta Cammilletti è quindi un binomio che si basa tanto sulla passione per lo sport – elettronico e non – quanto sulla ricerca del miglioramento continuo delle proprie capacità e performance.

Videogiochi sì, ma mica tutti
Parlando di videogiochi, ci ha fatto piacere scoprire che Marta ha una notevole predilezione per tutti i titoli sportivi mentre l’amore con i giochi di guerra non è mai sbocciato. Inutile dire che i nostri esperti della Nacon Academy non vedono l’ora di sostenerla nelle sue sfide in digitale, per aiutarla a eguagliare i successi della pedana. Nacon non può che essere orgogliosa di lei e del modello di ispirazione e di stimolo che rappresenta per il mondo dei giovani.
Noi tutti siamo pronti a sostenerla nella conquista di nuovi trofei e vi invitiamo a seguire le sfide sportive di Marta sul suo profilo Instagram @martacammilletti e sulla sua pagina Facebook marta.cammilletti.

Un palmares di alto profilo
Nei videogiochi e, a maggior ragione nello sport, le chiacchiere stanno a zero. A parlare sono i risultati e quelli di Marta lo fanno a voce alta. Qui di seguito un breve elenco dei suoi principali successi:

• MEDAGLIA D’ORO CAMPIONATI DEL MONDO UNDER 21 A SQUADRE, Trapani 2004
• MEDAGLIA DI BRONZO AI CAMPIONATI DEL MONDO UNDER 21 A SQUADRE, Antalia 2003 e Plovdiv 2005
• CAMPIONESSA ITALIANA 14 volte
• MEDAGLIA D’ARGENTO AI CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21, Porec 2005.
• MEDAGLIA D’ARGENTO COPPA DEL MONDO INDIVIDUALE, 2004 e 2005
• COPPA DEL MONDO CATEGORIA ASSOLUTI, 2008
• PRIMA CLASSIFICATA NEL TOURNOI INTERNATIONAL LIE DE FRANCE, Parigi 2009
• COPPA ITALIA, Ancona 2007 e Rovigo 2009
• COPPA DEL MONDO CATEGORIA ASSOLUTI, Copenaghen 2010
• MEDAGLIA D’ORO CAMPIONATI DEL MONDO MILITARI A SQUADRE, Caracas 2010
• MEDAGLIA D’ARGENTO PRIMA PROVA CAMPIONATI ITALIANI, Ravenna 2013
• MEDAGLIA D’ARGENTO AI CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI, 2014
• 4 VITTORIE NEL CIRCUITO EUROPEO, Terrassa (Spagna) 2015, Goeppinghen (Germania) 2018 , Brno (Rep. Cecea) 2019
• COPPA DEL MONDO SATELLITE, Bratislava (Slovacchia) 2018
• COPPA DEL MONDO SATELLITE, Tashkent (Uzbekistan) e Copenhagen 2021