nacon revolution
newsPCPS4

Massima reattività in Soulcalibur VI

Torniamo a parlare di picchiaduro, questa volta però mettiamo le mani su Soulcalibur VI, titolo spesso messo in competizione con Tekken. Pur avendo una storia diversa, il movement del gioco risulta molto simile e di conseguenza semplice da imparare.

In Soulcalibur VI dobbiamo seguire le regole standard dei picchiaduro, cioè utilizzare il pad direzionale del Revolution Pro Controller per il movimento a discapito degli analogici. Avere abilitato le 8 direzioni porta un netto vantaggio proprio per via del gameplay veloce ed esplosivo: il tempo di risposta tra la pressione del tasto e l’azione deve essere istantaneo.

In questo titolo, come in molti altri picchiaduro, sapersi difendere in maniera furba e con il tempismo perfetto aiuta ad evitare i colpi più pericolosi dei nemici. Sempre utilizzando le freccette per indietreggiare dal colpo ricevuto possiamo evitare di prendere schiaffi continui e magari ribaltare una situazione disperata.

Un altro fattore importante in Soulcalibur VI è proprio riuscire a sfruttare gli shorcut impostando i tasti che permettono di eseguire prese e combo che normalmente richiedono di sollevare le dita dalla levetta analogica.

Il settaggio del Revolution per Dragon Ball FighterZ

Articolo precedente

Come diventare dei killer infallibili in Hitman 3

Articolo successivo

Potrebbe interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *